Palazzo Comunale

Piazza della Repubblica
Visite: uffici Pro Loco/IAT (Piazza della Repubblica) tel. 0733 217357 – 0733 215919

Il Palazzo Comunale

Il Palazzo Comunale è il risultato della fusione, in epoca rinascimentale, degli antichi palazzi della Comunità e dell’Abbondanza. Lo testimonia la forma dei pilastri che sorreggono gli archi del portico: i primi cinque sono sottili e di forma rettangolare, (Palazzo della Comunità) mentre gli altri cinque sono cruciformi e molto più grandi (Palazzo dell’Abbondanza).

I loro basamenti sono parte integrante della facciata da quando, nel primo Ottocento, il cardinale Niccolò Grimaldi fece abbassare il piano calpestabile dando a Piazza della Repubblica l’assetto attuale.

Sulla facciata le membrature in travertino sporgono sui mattoni in cotto del paramento e i frontoni delle finestre a tabernacolo sono diritti al secondo piano ed alternativamente triangolari e curvilinei al primo piano. Al centro un bassorilievo che raffigura la Madonna di Loreto con la Santa Casa opera pregevole dello scultore Gioacchino Varlé (1734-1806), autore anche delle statue degli Evangelisti e dei Dottori della Chiesa che ornano la chiesa di San Filippo.

Oltre agli uffici comunali, tra cui quello del Sindaco, decorato in stile liberty ed arredato con  splendidi mobili del XIX secolo, il palazzo ospita la Pinacoteca Civica. Due saloni ed i loro affreschi sono parte integrante delle collezioni. Sono del pittore Emilio Lazzaro che li ha dipinti nel 1928 gli affreschi in stile liberty del Salone del Consiglio, mentre è l’araldica treiese a raccontare la storia della città nella sala degli Stemmi. Su tutti spicca quello di Carlo Didimi, fuoriclasse del gioco del pallone col bracciale e patriota risorgimentale la cui fama è immortale grazie alla poesia di Giacomo Leopardi.

 

MORE INFO

Tags: ,