Porta San Martino

Porta San Martino

Porta San Martino

“Il paese che ergeva il suo capo a San Marco, a nord abbandonava la sua coda in una spericolata discesa: a fianco, diviso, ma vicino, il Borgo, un mucchietto di case che erano lì perché su  non avrebbero trovato posto…”.

Se volete indicazioni per percorrere la “spericolata discesa” di cui la scrittrice Dolores Prato parla nel romanzo “Giù la piazza non c’è nessuno” chiedete de “Le Macinette”. È così che i treiesi chiamano la ripida via che dalla Cattedrale conduce a Porta San Martino, la più antica della città. È una delle tre rimaste rispetto alle nove originarie (le altre sono Porta Vallesacco e Porta Palestro), menzionate in una lettera conservata tra di documenti dell’Accademia Georgica. Datata 31 agosto 1392, riferisce di un’estrazione a sorte dei nomi di coloro che sarebbero divenuti custodi delle porte del Comune allora denominato Montecchio. Nel documento Porta San Martino è indicata come Porta San Giovanni.

 

MORE INFO

Tags: ,